Manuela Arcuri: precaria? No grazie!

Fa parte di una precisa e dura battaglia il “No” di Manuela Arcuri: non si può rimanere precari a vita. Quanti coetanei preparati, intelligenti e disposti a fare sacrifici oggi sono spasso?
Li chiamano bamboccioni, ma non è giusto. Il mercato del lavoro ha bisogno di nuova linfa ed è grazie ai giovani che qualcosa può cambiare.

Ha sicuramente pensato a questo Manuela Arcuri quando, ricevuta una proposta indecente dal presidente del consiglio in cambio di alcuni favori televisivi, non si è vista presentare un regolare contratto di lavoro. Eh già… “senza contratto non te la do!” (la prestazione).
Mi sembra giusto: questo è un esempio per tutte le ragazze che di fronte ad un lavoro a nero e per necessità, spesso si ritrovano a chinare il capo pur di racimolare qualche migliaio di euro all’ora da qualche vecchio bacucco.
Basta lavoro sommerso. ABBIAMO UNA DIGNITA’!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *