Ruggero, il cantautore allo specchio

L’artista della serenità, che la rivolta al contrario per raccontare il tumulto delle emozioni e della vita. Ha ricevuto la chiamata all’arte fin dalla tenera età, crescendo con e grazie ad essa. Al lavoro con “Sei quella”, in rotazione radiofonica e in streaming in queste settimane, torna alla ribalta con la sua sensibilità cui ci ha abituati negli anni. Artista instancabile, sempre a contatto con la propria interiorità e la propria sensibilità, ci concede il suo tempo Filippo Lazzari, cremonese classe ’93, in arte Ruggero.

Cosa vedi guardando allo specchio “Atineres” e cosa rappresenta per te?

Vedo una sfida da mandare avanti ogni giorno, iniziata 10 mesi fa e che ha ancora tanto da raccontare. Mi piace questo progetto basato tutto sul durante, perchè parla di un viaggio e per me il viaggio è più interessante nel suo svolgimento piuttosto che nella destinazione finale. Rappresenta un pezzo della mia vita e credo della vita di tutti noi: soprattutto di chi passa dall’essere ragazzo ad essere adulto e cerca la propria serenità e un proprio punto di equilibrio.

Com’è nata la tua passione per la musica?

Ascoltando radio e cassette quando ero piccolo. Musicista o musicofilo ci nasci secondo me. Senti fin da bambino che la musica ti tocca delle corde particolari, ti smuove qualcosa dentro.

Nella tua carriera hai esperienze formative e a scopo benefico, cos’è per te la musica?

Ciò che ho fatto a scopo benefico ha spesso riguardato la musica, per un motivo molto semplice: io faccio questo lavoro perchè mi fa sentire utile a qualcosa o a qualcuno.

Raccontaci di “Sassi turchini”

È una mia canzone del 2016. Prende il nome da una località dell’isola d’Elba dove ragazzi e ragazze disabili fanno tutti insieme delle vacanze alternative a cui in quell’anno presi parte anch’io. Pensavo di essere là per aiutarli e invece loro hanno aiutato me a capire il significato dei sentimenti. Ciò che mi ha colpito è che il volume delle loro emozioni è sempre al massimo, sia che siano felici o tristi. Io credo che l’essere umano sia principalmente fatto di emozioni o comunque che esse siano la parte più importante, quindi trovo questo loro aspetto stupendo. A fronte di tutto ciò, al mio rientro a Firenze, mi è bastata una notte per scrivere Sassi Turchini.

E com’è nata “Sei quella”?

Ancor prima di essere un tassello del progetto Atineres (è il 5° episodio della serie) è nata come una canzone molto sincera e cristallina per una persona con cui ho condiviso tanto. La musica è nata una sera a Firenze tra la cucina e la camera da letto, il testo in Versilia tra un autolavaggio e la spiaggia, mentre ero sotto l’ombrellone e stavo guardando il mare.

La tua musica e il tuo percorso denota una grande sensibilità. Quali sono stati gli incontri e le esperienze più significative del tuo percorso?

Ti ringrazio per questa considerazione. A livello più tecnico sicuramente il mio maestro Walter Savelli per avermi dato un metodo di lavoro e i miei produttori esecutivi Giacomo e Tommaso Ruggeri, senza i quali le mie canzoni sarebbero molto più nude. Da tutti e 3 ho imparato e continuo a imparare davvero tanto sulla musica. Mi sento di citare anche Piero Torricelli che è un amico e sta curando la regia di Atineres in maniera ottimale. In generale tutte le persone interessanti, strane e geniali in ambito musicale e non contribuiscono a loro insaputa alla mia crescita e alla mia produzione artistica.

Quali progetti hai per il futuro?

Innanzitutto portare a termine questo progetto ambizioso, lungo e faticoso di Atineres. Mancano ancora 3 episodi e poi sicuramente ci sarà una sorpresa! Dopodichè vedrò a che punto sarò con il materiale a cui sto lavorando parallelamente quando ho un po’ di tempo libero. Sicuramente pubblicherò qualcosa solo quando avrò tra le mani qualcosa di interessante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *