Ava

Ava

“AvA è una predatrice: è l’incarnazione della Donna Alpha Self Made che da un paesino di
provincia è arrivata a dirigere multinazionali.
E’ una donna che ha calpestato i peggiori stereotipi femminili in scarpe da tennis e che si è
conquistata una posizione sociale alternando la sua vita diurna lavorativa per trasformarsi
di notte in un mostro affamato di beat, moombahton e afro trap che infuocano le dance
hall.
La musica di AvA è il manifesto della ribalta personale a discapito di una società che ci
vorrebbe inermi, disillusi e arresi all’impotenza. Soprattutto se nasci donna.”
Parola d’ordine: SOVRANISMO FEMMINILE.

Quando Laura aveva solo cinque anni, mentre galleggiava con i braccioli a largo del Circeo un pò
troppo distante dal pedalo’ dei suoi genitori, uno squalo bianco di quattro metri e mezzo le fece
qualche giro intorno e le passò sotto le gambe minuscole senza torcerle nemmeno un capello.
Lo spostamento d’acqua che ne derivò impresse nella piccola Laura una sensazione che non
avrebbe mai dimenticato e da quel giorno instaurò un legame indissolubile con l’indiscusso re del
mare, tanto che Laura crebbe in fretta e capì subito che la vita che le aveva auspicato la sua
famiglia composta da un normale impiegato ed una casalinga, le sarebbe stata stretta.
La musica fu la sua ancora di salvezza, la magia che la preservò dal cadere in cattive abitudini e
pessime amicizie quando ancora le cattive abitudini non andavano di moda e facevano di te un
emerito coglione e non un figo.
Girò l’Italia da nord a sud con la sua band, vinse svariati concorsi e partecipò tra gli altri, al festival
di Musicultura dove arrivò in semi finale con le Calypso Chaos.
Ma non era abbastanza. Tutti i sacrifici, gli sforzi e la montagna di soldi spesi per produrre musica
ad alti livelli non portavano dove avrebbe voluto e tutto quello che usciva dalle sue dita non la
rappresentava più.
Di fondo sentiva che stava cambiando e gli incubi popolati da enormi squali bianchi si facevano
sempre più frequenti.
Così decise di dare una svolta alla sua vita.
Di giorno lavorava, di notte studiava e produceva musica.
Ma gli incubi non diminuivano, anzi. Gli squali continuavano a popolare i suoi sogni e a
confonderla. C’era qualcosa che le sfuggiva, le mancava qualcosa.
E fu proprio mentre nuotava in mare che capì. Laura doveva morire per fare spazio a qualcun altro
che da tutta la vita scalpitava per farsi spazio.
C’era un demone dentro di lei, quel mostro fatto di denti, branchie e occhi neri che di notte veniva
a ricordarle che in realtà era lui il padrone della sua vita e che era arrivato il suo momento.
Così Laura si arrese. Appese la chitarra acustica al chiodo, lasciò la timidezza in fondo al mare e si
decise a diventare AvA.
AvA è una predatrice: è una donna che ha calpestato i peggiori stereotipi femminili in scarpe da
tennis e che si è conquistata una posizione sociale alternando la sua vita diurna lavorativa per
trasformarsi di notte in un mostro fatto di beat, moombahton e afro trap che infuocano le dance
hall.
La musica di AvA è il manifesto della ribalta personale a discapito di una società che ci vorrebbe
inermi, disillusi e arresi all’impotenza. E’ il costume da super eroe nascosto sotto la divisa da
lavoro.
E’ la dimostrazione che chiunque ha il potere di cambiare la propria vita senza dover scendere a
compromessi, anche se si è donne.
Soprattutto se si è donne.

Il 15 Febbraio 2019 ha debuttato il primo, omonimo singolo “Ava” (Artist First,Milano) che in meno
di due mesi dall’uscita ha superato i 65.000 ascolti su Spotify.
Il 21 Maggio è uscito il secondo singolo “Adesso Il Capo Sono Io” accompagnato da un movie
che vede Adriano Giotti alla regia e la presenza delle Drag Queen Karma B tra i protagonisti.
In pochi giorni ha superato le 100mila views e ha portato l’performer a superare i 15mila follower su
Instagram.
A Ottobre è prevista l’uscita di un terzo singolo e dell’intero EP composto da 7 brani inediti sempre
distribuito dalla Artist First di Milano.

Nel frattempo AvA ha iniziato un radio tour che l’ha vista più volte ospite di Radio 1

3 thoughts on “Ava

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *