CATONE “UN PO’ DI NOI”  FUORI IL VIDEO DEL BRANO IN CUI IL GIOVANE CANTAUTORE  ESPLORA UNA SITUAZIONE AMOROSA IRRISOLTA

CATONE “UN PO’ DI NOI” FUORI IL VIDEO DEL BRANO IN CUI IL GIOVANE CANTAUTORE ESPLORA UNA SITUAZIONE AMOROSA IRRISOLTA

Un Po’ Di Noi” è il elaborato musicale del giovane cantautore campano CATONE uscito per Sorry Mom! e Artist First il 2 Luglio scorso.
La song racconta di una situazione irrisolta: la distanza tra due persone con una forte connessione emotiva e un amore così forte da diventare ingombrante.
A volte la paura di rischiare porta a seppellire alcuni sentimenti, il risultato è una condizione di malessere per la coppia.
 
Con la frase ”Non vorrei tanto rischiare ma qualcosa dovrò fare se stai male tu” si evidenzia la paura di uscire dalla propria comfort zone e al contempo la necessità di farlo per la persona amata.
Nonostante si tenti di controllare tutto, ci sono “Emozioni che proprio non riesco a bloccare” e che, per quanto le si reprima “rientran di forza senza citofonare”.
 
La natura positiva del messaggio è evidente: bisogna provarci ad ogni costo.

Annebbiati dai problemi e paure, talvolta non ci si rende conto di come a volte basterebbe vivere e crederci per stare meglio. Basterebbe “Un Po’ Di Noi”.

Ad accompagnare il elaborato musicale un video tutt’altro che canonico, in cui si è preferito dare spazio al messaggio: così la scelta è ricaduta su un lyric video dalle illustrazioni uniche, che hanno un forte impatto visivo e cercano di esprimere al meglio la potenza delle parole.
Ne risulta una rappresentazione ricca di colori che accompagna il ritmo spinto della song cercando di alleggerire la riflessione portando il tutto in una dimensione di speranza e positività.

In perfetto stile “Catone” anche in questo caso l’musicista ha voluto unire ad un elaborato musicale che poteva sembrare di un genere, un dettaglio visivo completamente diverso, così da stravolgere eventuali canoni.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *