Recensione DELLE INUTILI PREMONIZIONI VOL. 1, di Paolo Benvegnù

Recensione DELLE INUTILI PREMONIZIONI VOL. 1, di Paolo Benvegnù

Artista straordinario, completo, ricco, ampio, apprezzato non solo dal (vasto) pubblico che lo segue, ma anche da illustri artisti del panorama nazionale: da Mina a Irene Grandi, passando per Giusy Ferreri, Marina Rei.

Indimenticabile l’esperienza di grande rilievo con gli Scisma, proprio da quell’esperienza l’artista spicca il volo verso progetti personali tracciando solchi nella musica italiana che tutti apprezziamo, e invidiamo. Fra le tante collaborazioni e sperimentazioni diventate progetti di spessore, ricordiamo quelle con Marco Parente, Üstmamò, Otto’p’notri, David Riondino, Stefano Bollani, Petra Magoni, Ares Tavolazzi, Afterhours, Marina Rei, e molti altri.

Descrivere la vita, le opere di Benvegnù richiederebbe decine di pagine, per questa ragione vi rimandiamo in calce con alcuni collegamenti web di approfondimento.

Con estremo interesse vogliamo raccontare “Delle inutili premonizioni vol. 1” nuovo lavoro discografico dell’artista, disponibile dal 14 febbraio 2021, edito da Blackcandy Produzioni.

L’album è composto dalle seguenti 12 tracce:

  1. In Dissolvenza
  2. Io Ho Visto
  3. Il Nemico
  4. Il Sentimento Delle Cose
  5. Andromeda Maria
  6. Nelle Stelle
  7. Nello Spazio Profondo
  8. Cerchi Nell’acqua
  9. Avanzate Ascoltate
  10. La Schiena
  11. Olovisione In Parte Terza
  12. Sempiterni Sguardi e Primati

eseguite in versione acustica: chitarra e voce.

Album dalle caratteristiche intime e riflessive, ripercorre la strada dell’artista che vuole svelare una nuova natura dei brani di cui è composto.

L’apertura a “In Dissolvenza” offre all’ascolto un ingresso nel mondo sonoro dell’artista con una narrazione musicale e testuale inaspettata e originale, che ricalca il titolo grazie al suo corpo evanescente e fugace.

Capace di creare storie, mondi, cieli, con Benvegnù continua l’operazione di voler raggiungere la profondità della materia musicale col seguente brano, che offre un ritmo più accentuato, appropriato sfondo al testo che sa di nostalgia e strada.

Ne “Il sentimento delle cose” troviamo marcatamente lo sviluppo intimistico sul quale si basa l’opera, adattandosi in modo estremamente pertinente e soddisfacente all’ascolto, grazie al suo percorso fatto di dinamiche e suggestioni dosate con ricchezza e varietà.

“Parlami di come cantano i bambini” è uno dei versi di “Nelle stelle” che, già oltre il testo estremamente evocativo e empatico, acquisisce un effetto di chiaroscuro denso di carattere e profondità.

A valorizzare i brani, apprezziamo l’introduzione di effetti che con discrezione e delicatezza offrono strati sonori offrendo intrecci fatti di continuità che ben si sposano con il clima e il melos dei brani.

Evocazione che sa di preghiera, immagino l’artista in una metafora di genuflessione musicale di fronte al suo flusso di coscienza sempre vivido ed ispirato, è l’interpretazione di “Cerchi nell’acqua“. Sebbene la grande distanza fra la versione originale e quella offerta nell’album, possiamo sperimentare, grazie a questo ascolto, lo spessore, l’inventiva e la padronanza demiurgica del Benvegnù. Capace di rimescolare le carte, del medesimo mazzo, creando nuovi giochi di prestigio, nuove evoluzioni.

Gustosa, curiosa e invitante è la costruzione de “La schiena”, dove si alternano minimalismo e pienezza, grazie al testimone che si alterna fra accordi, riff, linee melodiche, bicordi, e la voce del Benvegnù.

Col fiato sospeso, l’artista ci lascia congedandosi attraverso “Sempiterni sguardi e primati”, la cui armoniosa melodia ci addolcisce il cuore con il minimalismo usato sapientemente dall’artista, dove si apprezzano ancor di più ed esaltano le armonie e la vena interpretativa/vocale di Benvegnù. La sua voce narra storie con fare corposo, graffiante, convinto e d’esperienza. Un lavoro fatto di questi elementi, e tanti altri, che possiamo (anzi dobbiamo!) prenotare oggi e acquistare da domani sullo store di Blackcandy Produzioni, al seguente link: https://blackcandyrecords.bigcartel.com/product/paolo-benvegnu-delle-inutili-premonizioni-venti-anni-di-misconosciuto-tascabile-vol-1-2021

Approfondimenti:

https://it.wikipedia.org/wiki/Paolo_Benvegn%C3%B9

https://it-it.facebook.com/paolobenvegnu/

https://www.rockol.it/artista/paolo-benvegnu

https://www.youtube.com/channel/UCN41nvbMRKqCiWWhfrxurYw

One thought on “Recensione DELLE INUTILI PREMONIZIONI VOL. 1, di Paolo Benvegnù

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *